Lo provo e vi faccio sapere!

mercoledì 29 giugno 2016

BARCA O VELIERO DI SAN PIETRO

Era usanza, quando da piccina andavo a Rigolato per quindici giorni di centro estivo, che la Cuoca Rina ci sorprendesse con il Veliero. 
C'è chi dice che si fa la notte del 22 giugno e c'è chi dice che si puo' replicare anche la notte del 28 giugno, la notte di San Pietro e Paolo. 
La tradizione dice che San Pietro soffiando nel contenitore farebbe assumere all'albume la giusta conformazione. In base a quante vele appaiono l'annata agraria sarebbe stata buona o pessima.

Io quest'anno mi sono ricordata in ritardo, così ieri sera, dopo il concerto di Ezio Bosso mi sono messa all'opera. 


BARCA DI SAN PIETRO

Occorrente:

  • una brocca o un bicchiere alto , di vetro e trasparente
  • acqua fredda
  • uno o due albumi
Procedimento:

Riempire la brocca quasi fino all'orlo con acqua fredda, versare delicatamente uno o due albumi in base all'altezza del contenitore.
Lasciare riposare all'esterno per tutta la notte. Va benissimo un balcone, una terrazza o in giardino. 
Aspettare fino all'alba, poi si potrà scorgere un veliero con quante più vele possibili in quanto la magia di questa notte ha poteri magici.



Ricordo con molto affetto questo veliero, in quanto lo associo a questa grande donna e grande amica di mia nonna, dalla faccia bonaria, sempre col sorriso e sempre pronta a prendere una frusta e a sbattere due uova a zabajone per noi bambini. 



Grazie Rina spero che anno dopo anno, riesca a trasmettere queste usanze a Giuggiola.


8 commenti:

  1. Ciao Lisa,
    se ne parlava stasera a cena della Barca di S.Pietro, un'usanza suggestiva della nostra infanzia.Ds noi la data esclusiva è la notte tra il 28 e il 29.I nostri figli, ormai giovani adulti, ci ascoltavano sorpresi: quante cose si perdono, ma sta anche a a noi farle rivivere.
    Un abbraccio
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Farle rivivere.. sono proprio queste 'vecchie' usanze che vorrei lasciare nel cuore a mia figlia. <3

      Elimina
  2. Io invece non conoscevo questa usanza e ti ringrazio per la condivisione, sono sempre bellissime e suggestive, quasi magiche e fai bene a mantenerle vive.
    Un bacio.
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prometto che il prossimo anno vi avverto TUTTE in anticipo.. così poi confrontiamo le vele!

      Elimina
  3. Ciao, conosco l'usanza ma a dir la verità non l'ho mai fatta... ogni anno dico "l'anno prossimo la faccio anch'io" e poi puntualmente mi dimentico!
    Spero di ricordarmi l'anno prossimo
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come già detto, vi avvertirò tutte!!

      Elimina
  4. La faccio ogni anno. Me ne parlava nonna, con cui però non l'ho mai fatta. E' un bel modo per ricordare quel che mi ha insegnato anche solo a voce, mi pare...

    L’angolo della casalinga, ricette veloci e facili

    RispondiElimina